A costo di sbagliare

Il problema di fondo è che non siamo abituati ad un Pd che prende una decisione e la porta avanti.

Quello di prima era un Pd formato ‘boh’. Lo si faceva per non scontentare nessuno, con la conseguenza di scontentare un po’ tutti. Ovvero, gli iscritti, nell’immobilità totale, si sentivano sempre e comunque a casa, gli elettori invece non avevano più motivo di fidarsi di noi.

Il prendere decisioni, invece, scontenta sempre qualcuno (e chi amministra un Comune lo sa). Soprattutto se quel qualcuno pensa di sapere sempre qualcosa in più degli altri. Da’ fastidio essere (o sentirsi) nel giusto e non poterlo dimostrare. Ecco, vorrei un Pd che dia fastidio a molti. Badate, per le scelte sbagliate che si faranno e non più per le non-scelte.

Poi se va male si cambia, come sempre fatto in Democrazia.

Advertisements


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s